Free Web Hosting Provider - Web Hosting - E-commerce - High Speed Internet - Free Web Page
Search the Web

FILASTROCCHE SIBILLINE

www.cerquasacra.8m.com

OPERE LETTERARIE SIBILLINE: Detti Popolari Sibillini ed Altro

 

CONOSCIUTE, RECITATE E CANTATE

 NEI COMUNI DI AMANDOLA E MONTEFORTINO

 

 

 

 

ANNO 2000-1-2-3-4-5-6 .....

 

 

ASSOCIAZIONE CULTURALE

“LA CERQUA SACRA”

MONTEFORTINO – AP

 

lacerquasacra@email.it  

giuseppe.matteucci@email.it

 

  

NINU NINU

NINU NINU

JANNA JANNA

 

LU CORTELLU

CHE TE SCANNA

 

L’ACQUA CALLA

CHE TE PELA

 

LU ZAMPITTU

PE’  STASERA

MAIALINO MAIALINO

GHIANDA GHIANDA

 

IL COLTELLO

CHE TI SCANNA

 

L’ACQUA CALDA

CHE TI PELA

 

LO ZAMPONE

PER QUESTA SERA

 

 

 

SILENZIO

 

SILENZIO PERFETTO

CHI PARLA UNO SCHIAFFETTO

CHI DICE UNA PAROLA

FUORI DALLA SCUOLA

 

 

“CAPPILLITTU”
(Grande lavoratore)

 

Cappillittu sta ‘lla l’ara

Co’ la forca e co’ la pala.

 

Se ce nengue e se ce pioe

cappillittu non se moe.

 

Ma se tira vendu e strina

cappillittu va in cantina.

 

  magna lo pancotto

po’ ce beve lo vì cotto.

 

 

Piccolo vocabolario:

L’ara = l’aia, nengue = nevica, pioe = piove, vendu = vento,

Jò = giù,  lo vì cotto = il vino cotto,  po’ ce magna = poi ci mangia,

lo pancotto = il pane cotto (vedere ricetta).

 

“NEGNE”

 

NEGNE

LU GATTU FA LE LEGNE

LU CA’ LE PORTA A VENNE

CE COMPRA LE CAZOLE

SE LE METTE QUANNO PIOE

NEVICA

IL GATTO FA LA LEGNA

IL CANE LA PORTA A VENDERE

CI COMPRA I PANTALONI CORTI

SE LI METTE QUANDO PIOVE

 

 

“NEGNE”, che in italiano si traduce  “nevica”, si usa  solo in Amandola. a Montefortino si dice “NENGUE”.

 

 

 

 

ZI FRATE CAPPUCCI’

 

Aih, aih, aih ……

è mortu un frate

e all’inferno non ce cape,

in paradisu non ce lu vulimo

poru zi frate, do lu mittimo?

 

Lu mittimo sotto ‘na pietra

lì ce campa e lì ce crepa.

 

Lu mittimo sotto lu camì

poru zi frate cappuccì.

 

 

 

Piccolo vocabolario:

 

E’ mortu = è morto,   non ce cape = non ci entra,

non ce lu vulimo = non ce lo vogliamo,

poru zi frate = povero zio frate,  do lu mittimu = dove lo mettiamo,

sotto lu camì = sotto al camino,    cappuccì = cappuccino.

 

N.B: “Non ce cape” viene usato  solo nel linguaggio di Amandola, a Montefortino si dice  Non ce capa”.

 

 

 

 

LUCCICAPENDA

 

LUCCICAPENDA

LUCCIOLA

 

LUCCICAPENDA

CALLA CALLA

MITTI LA SELLA

A LA CAVALLA

LA CAVALLA

E’ DE LU RE

LUCCICAPENDA

VIENI CON ME

 

LUCCIOLA

CALDA CALDA

METTI LA SELLA

ALLA CAVALLA

LA CAVALLA

E’ DEL RE

LUCCIOLA

VIENI CON ME

 

 

 

 

ZUCCA PELATA

 

 

ZUCCA PELATA

TESTA PELATA

 

ZUCCA PELATA

DE CENDO CAPELLI

TUTTA LA NOTTE

CE CANDA LI GRILLI

CE FA  ‘NA BELLA CANDATA

VIVA VIVA CAPOCCIA PELATA

 

 

TESTA PELATA

DI CENTO CAPELLI

TUTTA LA NOTTE

CI CANTANO I GRILLI

CI FANNO UNA BELLA SERENETA

VIVA VIVA  TESTA PELATA

 

 

APOLLO & C.

 

 

APOLLO

 

APELLE  FIGLIO DI APOLLO

FECE UNA PALLA DI PELLE DI POLLO

TUTTI I PESCI VENNERO A GALLA

PER VEDERE LA PALLA DI PELLE DI POLLO

FATTA DA APELLE FIGLIO DI APOLLO

 

 

CERNI CERNOLA

 

CERNI CERNOLA

ALESSANDRA VA ALLA SCUOLA

SI PORTA LA SEDIOLA

SI PORTA IL CANESTRELLO

PIENO PIENO DI PIZZUTELLO

LA MAESTRA PER FARE FESTA

LA BUTTA DALLA FINESTRA

     (….. per scherzo!!)

 

 

CAVALLINO

 

CAVALLINO ARRO’ ARRO’

PER LA BIADA CHE TI DO

PER I FERRI CHE TI METTO

PER ANDARE A SAN FRANCESCO

A SAN FRANCESCO C’ERA UN FRATE

CHE FACEVA LE FRITTATE

LE FRITTATE NON SON COTTE

MANGEREMO LE RICOTTE

LE RICOTTE SONO SALATE

MANGEREMO LE FRITTATE

 

(Se non c’è di meglio !!)

 

 

TRENTATRE TRENTINI

 

TRENTATRE TRENTINI

ENTRARONO DENTRO TRENTO

TUTTI E TRENTATRE TROTTERELLANDO

(.... e a noi che ce ne frega !?!?)

 

DINDOLO’

 

DINDOLO’ DE LA CATENA

DIGLI A PEPPE SE VIENE A CENA

E SE NON CI VUOLE VENIRE

CHIUDI LA PORTA E ANDIAMO A DORMIRE

 

TERESA TERESINA

 

TERESA TERESINA

FAMMI CUOCERE UNA GALLINA

LA GALLINA E’ TROPPO COTTA

FAMMI CUOCERE UNA PAGNOTTA

LA PAGNOTTA NON E’ BUONA

FAMMI CUOCERE LA PADRONA

LA PADRONA NON E’ CONTENTA

FAMMI CUOCERE LA POLENTA

LA POLENTA SE N’E’ SCAPPATA

FAMMI CUOCERE LA FRITTATA

ANCHE L’UOVO SE N’E’ SCAPPATO

ED IO SONO QUI CHE NON HO MANGIATO

 

 

PIRULINO & C.

 

PIRULINO

 

PIRULIN PIRULIN PIANGEVA

VOLEVA UN’ALTRA MELA

LA MAMMA NON L’AVEVA

PIRULIN PIRULIN PIANGEVA

MA A MEZZANOTE IN PUNTO

PASSO’ UN AEROPLANO

CHE SOTTO AVEVA SCRITTO

PIRULIN PIRULIN STA ZITTO

 

PAPERINO

 

 

PASSA PAPERINO

CON LA PIPA IN BOCCA

GUAI A CHI LA TOCCA

L’HAI TOCCATA PROPRIO TU

 

N.B: Serve per fare la conta.

 

AMBARABACICCICOCCO’

 

 

AMBARABACICCICOCCO’

TRE GALLINE SUL COMO’

CHE FACEVANO L’AMORE

CON LA FIGLIA DEL DOTTORE

IL DOTTORE SI AMMALO’

AMBARABACICCICOCCO’

 

 

 

IL PULCINO

 

LUNEDI’ CHIUSIN CHIUSINO

MARTEDI’ BECCO L’OVINO

SALTO’ FUORI MERCOLEDI’

PIO, PIO, GIOVEDI’

VENERDI BECCO’ IL GRANINO

SABATO UN BEL PULCINO

LA DOMENICA MATTINA

AVEVA GIA’ LA SUA CRESTINA

 

SOPRA LA PANCA LA CAPRA CAMPA

SOTTO LA PANCA LA CAPRA CREPA

 

 

LAURETTA

 

LAURETTA MIA

BIMBA ADORATA

LA SERENATA LA CANTA PAPA’

 

CARA LAURETTA

VIENI IN LAMBRETTA

......................................

.......................................

 

LE DITA DELLA MANO

 

POLLICE DICE: HO FAME

INDICE DICE: NON C’E’ PIU’ PANE

MEDIO DICE: COME FAREMO?

ANULARE DICE: LO RUBEREMO

E IL MIGNOLINO CHE E’ IL PIU’ PICCINO

LECCA LECCA NEL PIATTINO

 

 

LI DITI DE LA MA’

 

                    DITU DITILLU                  (Mignolo)

                    DITU D’ANELLU              (Anulare)

                    LU PIU’ BELLU                 (Medio: il dito più lungo)

                    LECCA CALLA’                (Indice: lecca il paiolo)

                    CCIACCA PIDOCCHI       (Pollice)

                    

 

SORA COSTANZA

 

TE FA MALE LA PANZA?

CHIAMA SORA COSTANZA

TE DA N’ACINITTU D’UA

TE FA PASSA LA VUA

 

 

CECCO RIVOLTA

 

C’ERA UNA VOLTA CECCO RIVOLTA

CHE RIVOLTAVA I MACCHERONI

SE LA FECE NEI CALZONI

JETTE LA  MAMMA E LO SGRIDO’

POVERO CECCO S’AMMALO’

S’AMMALO’ DI MALATTIA

POVERO CECCO LO PORTO’ VIA

LO PORTO’ VIA CON LA BARELLA

POVERO CECCO SOTTO TERRA

 

CHICCOLINO

 

CHICCOLINO DOVE VAI?

SOTTO TERRA NON LO SAI!

E LA SOTTO NON FAI NULLA?

DORMO DENTRO LA MIA CULLA

MA SE TANTO DORMIRAI

CHICCOLINO COSA FAI?

UNA SPIGA METTERO’

E TANTI CHICCHI VI DARO’.

 

 

NATALE 2000

 

Contadino

scarpe grosse, cervello fino.

Montefurtì

 tira a la voccia e coje lu pallì

!

 E’ Natale

Non  mi mischio

Raccolgo il muschio

Ammiro il vischio

Fischio

!

Poscia

me ne infischio

alzo la coscia

e piscio

!

Santa Cleopatra

pensaci tu

 

N.B:  Dalla cadenza musicale dei versi prendono forma le palle dell’albero di Natale.

 

  SOMARI A DUE ZAMPE

Siamo studenti, siamo studenti

siamo una massa di deficienti.

Non ci piace l’italiano

ma ci piace Celentano.

Abbasso la storia, la geografia

su ragazzi andiamo via

salutiamo i professori

con la scusa dei raffreddori.

…. e il ciuchino?

Sono il ciuchino, sono il ciuchino

che suda, sgobba e raglia

trasporto sempre fieno

e mangio solo paglia.

 

(Capita la lezione, somarelli?)

 

 

 

LUCCIOLE PER LANTERNE

 

Un giorno un calabrone andava in bicicletta

pregò la luccioletta

de faje da lampione

 

Ma il vigile maiale che stava de fazione

je fa contravvenzione

dicendo: la legge non ammette

“lucciole per lanterne”

 

 

DE FAJE

DI FARGLI

DE FAZIONE

DI  SENTINELLA

JE FA

GLI  FECE

 

 

I GIORNI DEI MESI

 

30 DI HA NOVEMBRE

CON APRILE, GIUGNO E SETTEMBRE

DI 28 CE N’E’ UNO

TUTTI GLI ALTRI NE HAN 31

 

 

BANDIERA ROSSA

(Inno dei somarelli a due zampe)

 

Avanti popolo alla riscossa

dei professori vogliam le ossa

delle maestre ce ne freghiamo

delle ragazze c’innamoriamo.

 

Se qualcuno ce lo impedisce

gli facciamo il culo a strisce

lo portiamo in piazza grande

gli tiriamo giù  le mutande.

 

Lo portiamo dal presidente

che gli dice sei un deficiente

lo buttiamo giù nel tombino

dove c’è scritto:

“Attenti, qui c’è un cretino.

 

CHE ORA E’?

 

E’ L’ORA DI IERI A QUEST’ORA

PIU’  UN QUARTO  MENO MEZZORA

 

Questa filastrocca viene rivolta a coloro che chiedono continuamente l’ora.

 

 

 

“SIAMO GIOVANI E PAGHEREMO”

 

LUNEDI’ TE LI DARO’

MARTEDI’ SE CE L’AVRO’

MERCOLEDI’ E’ SAN CLEMENTE

GIOVEDI’ NON TE POSSO DA NIENTE

VENERDI’ VECCE A BONORA

SABATO A QUALUNQUE ORA

SE PE DOMENICA  NON TE SO PAGATO

LUNEDI’ RCUMINCIMO DA CAPO

 

 

Non te posso dà                (Non ti posso dare)

Vecce                                (Vienici)

Non te so pagato               (Non ti ho pagato)

Rcumincimo da capu        (Ricominciamo da capo)

.

 

 

BRAVO IL PADRE & BRAVO IL FIGLIO

 

 

NELL’OFFICINA DELLA FERRIERA

SENZA LA DURA SORTE IMPRECAR

DALLA MATTINA FINO ALLA SERA

IL BABBO SUDA PER GUADAGNAR

 

PER CIO’ NON ABBI LE SCARPE ROTTE

E FARMI A SCUOLA BEN  ISTRUIR

LAVOREREBBE ANCHE LA NOTTE

ANCHE SENZA UN MINUTO DORMIR

 

FATTOMI ADULTO …..

........ RAGGIUNTO AVRO’

LE DIRO’  AL BABBO CHE SI RIPOSI

ED IO PER ESSO LAVORERO’

 

 

P.S: Chiediamo scusa all’autore di questa poesia per le parti mancanti, ma la stessa è di un valore morale altissimo e quindi abbiamo deciso di 

        pubblicarla lo stesso. Se qualcuno ne conosce il testo integrale è pregato di comunicarcelo, magari con il nome dell’autore.

 

 

TOCCHEME PE'

(Toccami Peppe)

 

Ma, Peppe me tocca (a voce alta)

Toccheme, toccheme Pe' (a voce bassa)

 

 

 

LA PANZANELLA

(vedere ricetta)

 

Quanno mojata muccica

perché je ‘rgira le madonne

e non te prepara da magnà

‘mmolla lo pa’ sotto la fonte

mettece mmoccò de mintuccia

aceto,  ojo e sale

e te senti proprio ‘rnatu !!!

Quanno magni lo pa’ ‘nzuppato

tu stai comme ‘n cardinale.

Senza piattu ne scodella

te fa scorda’ la ‘ncazzatella.

Comme la regina Margherita

te magneristi  pure  le dita.

E dopo co’  la trippa  piena

vidi   mojata  tanto  vella

e quant’è bbona la …. panzanella.

 

Piccolo vocabolario:

Quanno mojata muccica = quando tua moglie morde,

 je ‘rgira  = le rigira,   da magnà = da mangiare,

‘mmolla lo pà = bagna il pane,   mmoccò = un po’,   ojo = olio,

‘rnatu = rinato,   ‘nzuppato = inzuppato

la ‘ncazzatella = l’arrabbiatura,   te magneristi  =  ti mangeresti

vella = bella.

 

 

INDOVINELLO

 

 

CERQUA TONNA

STA A SEDE'

VA LU VELLU

LA VO VEDE'

JE LU STRUSCIA

JO-PPE LA PANZA

JO-DDA DA PIEDI

JE-CCE LU PIANDA

 

Quercia rotonda (la botte)

sta a sedere (sistemata in cantina)

va il bello (il cantiniere)

la vuole vedere

glielo strofina

giù per la pancia

giù da piedi

ce lo infila  (… nel buco)

 

CHE COS'E' ?

Lu zippu de la votte